La cura del limone

Vi proponiamo una cura speciale a base di limone che sfrutta tutte le molteplici proprietà di un frutto che è da sempre considerato una vera e propria panacea universale.

dietalimoneLe principali proprietà terapeutiche del limone

Alcalinizzante, Antiacido gastrico, Antianemico, Antiatritico, Antigottoso, Antipruriginoso, Antireumatìco, Antisclerotico (contro la senescenza), Antiscorbutico, Antisettico, Antivelenoso, Attivatore dei globuli bianchi (difese immunitarie), Battericida, Calmante, Carminativo (aiuta ad espellere i gas in eccesso), Depurativo, Disintossicante, Diuretico, Emostatico, Febbrifugo, Fluidificante sanguigno, Ipotensore (abbassa la pressione tropo alta), Remineralizzante, Rinfrescante, Stimolatore gastro-epatico-pancreatico, Tonico cardiaco, Tonico del sistema nervoso e simpatico, Vermifugo.

La cura è consigliata a chi soffre di

Infezioni polmonari, intestinali, frequenti malattie infettive, insistenti stati febbrili e malaria, debolezza, inappetenza, reumatismi, artritismo, gotta, renella e calcoli, gastrite – ulcera gastrica – acidità, digestione difficile – aerofagia, scorbuto, arteriosclerosi, varici – flebiti – capillari fragili, iperviscosità sanguigna, obesità, ipertensione, stati tubercolari, demineralizzazione, riflessi deboli – esaurimento, anemia, itterizia, vomito – nausea, insufficienza epatica – pancreatica, congestione, emofilia, emorragie – epistassi frequente, gas intestinali, dissenteria, vermi – asma, influenza, mal di testa.

In generale la cura è adatta come prevenzione delle epidemie influenzali, nelle convalescenze, per favorire la crescita dei bambini.

La cura è sconsigliata a chi soffre di

Malattie renali, insufficienze epatiche, rachitismo, artrite cronica avanzata o altre affezioni che compromettono la capacità dell’organismo di trasformare l’acido citrico.

In generale la cura non va applicata né ai bambini né alle persone molto anziane e neppure a chi ha una salute molto delicata.
In ogni caso vi invitiamo a consultare sempre il vostro medico prima di iniziare la cura.

Metodo e avvertenze importanti

La cura ha una durata massima di 30 giorni, compresi 6 giorni di mantenimento con la dose minima.

La cura deve essere seguita, attenendosi rigorosamente al calendario e alle dosi indicate: le dosi non vanno aumentate.

Durante la cura sarebbe bene non mangiare altri alimenti molto ricchi di vitamina C come kiwi o arance, né caramelle o pasticche o altri integratori contenenti vitamina C. I limoni, freschi e ben maturi, devono essere spremuti e bevuti subito. Ricordatevi sempre che il limone fresco perde molte delle sue proprietà se lasciato all’aria qualche ora.

La cura può essere ripetuta dopo minimo cinque-sei mesi, meglio ancora un anno, soprattutto dopo la seconda volta. Chiedete sempre consiglio al vostro medico.

In che cosa consiste

La cura consiste nel bere ogni mattina, rigorosamente a digiuno, una spremuta di limone puro, cioè non diluita in acqua. Aspettate almeno 30 minuti prima di fare colazione o assumere altre bevande o cibi. Ogni giorno si aumenterà progressivamente la dose di un limone fino alla metà della cura. Raggiunta la dose massima, si comincerà a diminuire la dose giornaliera progressivamente di un limone al giorno.

Terapia d’urto

Calendario da 1 fino a 12 limoni ogni giorno per 30 giorni (compresi 6 giorni di mantenimento)

  • Lunedì 1° giorno: il succo di 1 limone
  • Martedì 2° giorno: il succo di 2 limoni
  • Mercoledì 3° giorno: il succo di 3 limoni
  • Giovedì 4° giorno: il succo di 4 limoni
  • Venerdì 5° giorno: il succo di 5 limoni
  • Sabato 6° giorno: il succo di 6 limoni
  • Domenica 7° giorno: il succo di 7 limoni
  • Lunedì 8° giorno: il succo di 8 limoni
  • Martedì 9° giorno: il succo di 9 limoni
  • Mercoledì 10° giorno: il succo di 10 limoni
  • Giovedì 11° giorno: il succo di 11 limoni
  • Venerdì 12° giorno: il succo di 12 limoni
  • Sabato 13° giorno: il succo di 12 limoni
  • Domenica 14° giorno: il succo di 11 limoni
  • Lunedì 15° giorno: il succo di 10 limoni
  • Martedì 16° giorno: il succo di 9 limoni
  • Mercoledì 17° giorno: il succo di 8 limoni
  • Giovedì 18° giorno: il succo di 7 limoni
  • Venerdì 19° giorno: il succo di 6 limoni
  • Sabato 20° giorno: il succo di 5 limoni
  • Domenica 21° giorno: il succo di 4 limoni
  • Lunedì 22° giorno: il succo di 3 limoni
  • Martedì 23° giorno: il succo di 2 limoni
  • Mercoledì 24° giorno: il succo di 1 limone

Mantenimento (6 giorni)

  • Giovedì 25° giorno: il succo di 1 limone
  • Venerdì 26° giorno: il succo di 1 limone
  • Sabato 27° giorno: il succo di 1 limone
  • Domenica 28° giorno: il succo di 1 limone
  • Lunedì 29° giorno: il succo di 1 limone
  • Martedì 30° giorno: il succo di 1 limone

Terapia leggera

Calendario da 1 fino a 7 limoni al giorno per 21 giorni (compresi 6 giorni di mantenimento)

  • Lunedì 1° giorno: il succo di 1 limone
  • Martedì 2° giorno: il succo di 2 limoni
  • Mercoledì 3° giorno: il succo di 3 limoni
  • Giovedì 4° giorno: il succo di 4 limoni
  • Venerdì 5° giorno: il succo di 5 limoni
  • Sabato 6° giorno: il succo di 6 limoni
  • Domenica 7° giorno: il succo di 7 limoni
  • Lunedì 8° giorno: il succo di 7 limoni
  • Martedì 9° giorno: il succo di 6 limoni
  • Mercoledì 10° giorno: il succo di 5 limoni
  • Giovedì 11° giorno: il succo di 4 limoni
  • Venerdì 12° giorno: il succo di 3 limoni
  • Sabato 13° giorno: il succo di 2 limoni
  • Domenica 14° giorno: il succo di 1 limone

Mantenimento (6 giorni)

  • Lunedì 16° giorno: il succo di 1/2 limone
  • Martedì 17° giorno: il succo di 1/2 limone
  • Mercoledì 18° giorno: il succo di 1/2 limone
  • Giovedì 19° giorno: il succo di 1/2 limone
  • Venerdì 20° giorno: il succo di 1/2 limone
  • Sabato 21° giorno: il succo di 1/2 limone

Non spaventatevi per le quantità e soprattutto non preoccupatevi per il vostro stomaco!

Ricordatevi sempre che, contrariamente a quanto in genere si è soliti pensare, il limone è un naturale antiacido gastrico. Il suo gusto è dato da acidi organici che non restano allo stato acido nelle cellule. Anzi, l’uso favorisce la produzione di Carbonato di potassa (o Carbonato di potassio), utile nella cura delle gastriti.