Cromoterapia nell’interior design

Il ritorno dalle vacanze è sempre un po’ traumatico: siete tornati nel grigiore della città, in uffici spenti e in ambienti asettici? Vi mancano la calda luce del sole, il blu di acque incontaminate o il verde di paesaggi montani da cartolina? Nessun problema. È tempo di portare un po’ di colore nelle vostre case…

Bando a pareti bianche e interni minimal chic!

Per scaldare ambienti e cuore, pennelli e rulli alla mano, dipingete di giallo le vostre case.
Colore sì, ma non solo sui muri. L’importante è tenere in considerazione tutti gli elementi di arredo, dai mobili alle tende, passando per quadri e soprammobili. Quindi, se per voi l’arte del tinteggio è troppo audace, scegliete di accendere l’ambiente con suppellettili colorati.

La cromoterapia insegna

Il giallo, collegato con il terzo chakra, è simbolo di espansione, rinnovamento, cambiamento, gioia di vivere,  declinazione cromatica perfetta per rallegrare le giornate piovose settembrine, un raggio di splendore per le aree interne poco esposte alla luce solare.

Provatelo per tinteggiare la cucina: stimola l’apparato digerente, tonifica il sistema linfatico, favorisce l’eliminazione delle tossine e, associato al bianco, dona un immediato senso di igiene, consentendo di vedere chiaramente il naturale colore dei cibi. Secondo il feng shui, l’antica arte taoista applicata nell’arredamento di interni, in cucina potete optare anche per il verde, il colore che naturalmente dona sazietà e calma i morsi della fame.

Il giallo limone è ideale anche per tutti gli ambienti in cui è richiesta concentrazione: studi, uffici, scuole.
il colore del sole aiuta l’apprendimento, conferisce vitalità ed energia, stimola l’emisfero sinistro del cervello espandendo le energie creative, la crescita e combattendo la depressione.

Via libera anche alle sperimentazioni e ai giochi di luce: abbinato all’arancio dona allegria a salotti, intensifica le capacità mnemoniche e stimola la comunicazione.

Bandito in camera da letto, se non in nuance pallide. Per la stanza del riposo meglio optare per tinte pastello o per un rilassante blu.

Vi consigliamo di scegliere la tonalità di giallo in base all’illuminazione della stanza: gradazioni chiare se presenti luci incandescenti, osate con tinte ocra se ci sono lampade alogene oppure scegliete sfumature più calde in presenza di lampade fluorescenti.