Zeppole di San Giuseppe

[cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_text animation_delay=”0″]

La pasticceria napoletana è ricca di dessert golosi come questo, nato per celebrare, il 19 marzo, la festa di San Giuseppe, quella del papà in Italia e spesso anche il Carnevale.

Ippolito Cavalcanti, nel 1837, in un trattato di cucina napoletana, ci offre la prima testimonianza della ricetta che ritroviamo in moltissime varianti regionali italiane dalla Sicilia, passando per il Molise, le Marche, la Puglia, l’Abruzzo e anche la Sardegna.

Ma come si preparano le zeppole di san Giuseppe?
Ecco gli ingredienti da tenere a portata di mano, per questa “Limmi – versione”:

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row][cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/3″][cmsms_text animation_delay=”0″]

Base

  • 250 gr di farina
  • 6 uova
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 90 g di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • 6 cucchiai di succo di limone LIMMI
  • ½ cucchiaino di sale
  • 330 ml di acqua

[/cmsms_text][/cmsms_column][cmsms_column data_width=”1/3″][cmsms_text animation_delay=”0″]

Per la crema

Scopri la nostra ricetta golosa della crema al limone

[/cmsms_text][cmsms_text animation_delay=”0″]

Per friggere

1 litro di olio di semi

[/cmsms_text][/cmsms_column][cmsms_column data_width=”1/3″][cmsms_text animation_delay=”0″]

Per guarnire

  • 50 g di amarene sciroppate
  • 50 g di frutta candita
  • 60 g di zucchero a velo

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row][cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_text animation_delay=”0″]

Preparazione

In una casseruola, porta a ebollizione 330 ml di acqua e versaci il burro tagliato a pezzetti, lo zucchero, la farina setacciata, il succo di limone e un pizzico di sale. Mescola velocemente l’impasto, a fuoco vivace (è importante che la pasta si asciughi bene, in modo da assorbire tutte le uova senza diventare troppo molle).

Fai raffreddare la pasta cotta, disponila in una terrina e aggiungi un tuorlo alla volta, lavorando con la frusta. Alla fine della lavorazione, la pasta deve risultare soda e compatta, come una crema pasticciera ben solida. Con l’aiuto di un cucchiaio, ricava dalla massa dei piccoli tocchetti e versa nella padella in cui avrei messo a riscaldare abbondante olio.

Non appena le zeppole diventano dorate, girale, aspetta che si gonfino e quindi tirale sù con la schiumarola e adagiale su carta assorbente da cucina. La tradizione vuole che la frittura avvenga su 2 pentole diverse: una con olio tiepido – la prima cottura che fa cuore internamente e gonfiare le zeppole – l’altra con olio caldissimo per la seconda frittura.

Decora le zeppole con golosa crema al limone  e guarnisci a piacere con amarene o la frutta candita, spolverizzando con zucchero a vero.

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]